Connect with us

TOP10

IL TURNO DI TOP10 ED IL TURNO DEL TOP10 (ALLE ELEZIONI FEDERALI)

 

Il Calvisano vale di più, non due tempi interi ma i due mezzi in cui detiene lo scettro fruttano punti mentre a Viadana no. Va detto che quelli del mantovano pare siano entrati in campo con un pizzico di sottovalutazione dell’avversario: certi movimenti troppo “complicati” non si fanno se non si è certi che…. . Alla fine il punteggio è più largo di quello che dice la partita ma è il giusto premio per un team che, Calvisano, sta soffrendo il campionato ben oltre i suoi valori. Il Viadana ha ancora la possibilità di togliersi delle soddisfazioni ma forse, dopo questa sconfitta, non più quella dei play-off.

Grazie al piede di Farolini il Valorugby chiude la partita della sofferenza e dei botti in difesa. Un Mogliano sopra ogni aspettativa che rischia il colpaccio. Cosa è mancato ai veneti? Mentalità ordinata e disciplina collettiva, perchè il crollo matura in pochi minuti su tre falli “importanti” e praticamente consecutivi: contesa illecita di un drive, tenuto a terra (mancanza palese di sostegno) e banale fuorigioco. Su questi tre calci lo specialista  del Valorugby fa 3/3 e fine dei giochi.

Vannozzi-Kudin-Zago, ricordatevi questo terzetto perchè questo ha fatto gli straordinari e quasi quasi…. Sono i primi tre delle Fiamme Oro, usciti sconfitti dal match con il Petrarca ma con la soddisfazione di essere stati i primi a tener davvero testa alla mischia dei tuttineri. Le Fiamme Oro ritrovano quindi un po’ di serenità mentre il Petrarca si ritrova primo con quattro partite da recuperare a pari merito con Rovigo che ne ha una, davanti a Valorugby (due) e Calvisano (tre). Marcato vede la testa della classifica come obiettivo di play-off ma forse in casa petrarchina l’unica cosa che non piace (in particolare quest’anno) è una semifinale con Rovigo.

Perchè i giochi in testa davvero sembrano fatti. Recuperi delle partite o no sembra molto difficile che quelli dietro possano insidiare le posizioni alla prime quattro. In fondo alla classifica la Lazio con un solo punto e dopo Colorno con tredici. La Lazio deve recuperare cinque partite solo un paio forse sono davvero abbordabili, chiusa anche la questione retrocessione? 

La prossima di Top10 è il 21 marzo, da qui a quel giorno si giocano i recuperi.

ELEZIONI FEDERALI E TOP10 I candidati alla Presidenza federale hanno consegnato il loro programma e tutti loro hanno dovuto citare il “nostro” Top10. C’è chi ha deciso di puntare su questo campionato ed ha elaborato proposte profonde, anche per la Serie A, e chi ha più o meno giocato al “pesce in barile” mettendo giù parole altisonanti e concetti più o meno vuoti o, se preferite, non-pieni.

Ma c’è una cosa che emerge chiaramente da questo primo giro di osservazione ai candidati sul tema del nostro massimo campionato italiano. A differenza di quattro anni fa nessuno se la sente più di non citare o di mettere in palese secondo piano il campionato italiano. In questi anni è maturata evidentemente la convinzione che senza questo nostro rugby il resto non basta per la crescita del movimento.

La cosa provoca uno stupido scompiglio in casa Benetton Treviso Rugby  che si sente minacciata nei suoi interessi e nei suoi scenari di Pro14 e, forse, nei milioni di contributo che riceve ed ha ricevuto, ad oggi senza aver dato veri risultati. Cosa stupida perchè ormai è palese che non possiamo nemmeno far senza il campionato ex-celtico.

Il Top10 è forse finalmente emerso come necessità e non come giocattolino? Evviva. La cosa va sostenuta Ma ci si augura due cose. La prima è che qualcuno in Top10, o in Serie A, voglia consideri la realtà del Pro14 come un problema invece che una opportunità. Questo sarebbe davvero sciocco. La seconda è che chi sta in Pro14 giochi a smorzare e/o .smontare il Top10 per risolvere le proprie ansie da prestazione, questo non solo non sarebbe bello ma sarebbe contro il nostro rugby, che è ora venga visto come uno solo.

.

Peroni TOP10 – XIII giornata – 14.02.21
Lazio Rugby 1927 v Femi-CZ Rovigo 11-45 (0-5)
Sitav Rugby Lyons v HBS Colorno 29-24 (5-1)
Valorugby Emilia v Mogliano Rugby 1969 23-17 (4-1)
Kawasaki Robot Calvisano v Rugby Viadana 1970 35-18 (5-0)
Argos Petrarca Padova v Fiamme Oro Rugby 30-13 (5-0)

Classifica: Femi-CZ Rovigo* e Argos Petrarca Padova**** punti 41; Valorugby Emilia** punti 36; Kawasaki Robot Calvisano*** punti 32; Mogliano Rugby 1969*** punti 23; Sitav Rugby Lyons punti 22; Rugby Viadana*** punti 21; Fiamme Oro Rugby*** punti 18; HBS Colorno** 13; Lazio Rugby 1927***** punti 1
*partite in meno

More in TOP10