21 febbraio 2017

PAROLE IN STAMPA E DERIVA DEL NULLA, DAL SETTE NAZIONI AL “RESTIAMO CONCENTRATI”

BLA BLA

Entreremo in campo per vincere, sappiamo che loro faranno la stessa cosa, ci aspetta una partita difficile ma noi siamo pronti, l’allenatore ci ha detto cosa dobbiamo fare ed io spero di poter essere utile alla squadra.” Avete appena letto la dichiarazione alla stampa di un giocatore di calcio del Campionato Italiano che va generalmente sui media, sia carta stampata, web, televisione, Gazzetta o bollettino parrocchiale. In mezzo a dichiarazioni di questo tipo ci scivolano dentro strafalcioni grammaticali, leccatine tattico-buoniste, che oggi vanno tanto di moda, qualche scivolone di dubbio gusto. Eppure queste “interviste”sono tutte così, identiche che sembrano stampate a settembre e rilasciate piano piano, come le figurine degli albun di raccolta.

Ebbene, pare che noi del rugby si abbia la scapestrata ambizione di diventare così, vogliamo anche noi l’effetto comico di intingere la lingua nell’ovvio. Leggi tutto….

8 febbraio 2017

SEI NAZIONI, A ROMA STADIO SEMIVUOTO. CONTESTUALIZZIAMO?

olimpi-di-rugby-numero-2
Lo stadio Olimpico di Roma pronto per il rugby

Allo stadio per vedere Italia vs Galles c’era davvero poca gente, le cose vanno male, anni di insuccessi pesano, poi molti altri motivi, forse questi più importanti che non le sconfitte azzurre, ad esempio le franchigie che non fanno audience, il massimo campionato nazionale che è sotto terra, tutti segmenti del nostro rugby che dovrebbero fare da “lancio” ai nostri Azzurri ed invece sono KO.

La stanchezza del pubblico ovale ha tante origini ed è nota da tempo, ma è anche un pubblico di fedelissimi, tornerà prestissimo. Intanto è lì incollato alla TV, 860.000 persone su DMAX per la Nazionale maggiore e circa 56.000 su The Rugby Channel che si sono visti lo streaming della nostra Under20. Torneranno tutti anche allo stadio, basta dargli un “la”, ma saremo capaci di darglierlo? Leggi tutto….

24 gennaio 2017

RUGBY IN STREAMING, IL PROMOTER MATTEO SCIALPI RACCONTA: E’ SOLO UNA NUOVA STRADA MA FORSE ANCHE L’UNICA

MS SCIALPI
La console della piattaforma streaming di MS Network e, nel riquadro, Matteo Scialpi

Matteo Scialpi ha una vera passione per il rugby, portarne a casa una immagine per lui è una soddisfazione in più. Fra le mille scommesse della sua vita c’è anche The Rugby Channel, la sua piattaforma che dalla estate del 2016 mette on line il nostro rugby. Una cosa che fino a poco tempo fa sembrava impossibile oggi vede ogni fine settimana di Eccellenza tutte le sue partite in diretta sul web. Cosa c’è dietro questo bellissimo progetto e soprattutto che respiro può avere? Ne abbiamo parlato con lui e ne abbiamo ottenuto una analisi completa, la vision certo di un imprenditore ma anche di un appassionato del nostro sport.

Stefano Franceschi:“Matteo Scialpi, segui il rugby da una vita, racconta….”

Matteo Scialpi – MS Network:” L’ultimo anno di Liceo a Venezia è stato quello che mi ha fatto conoscere il rugby: il massaggiatore della squadra del Lido lavorava nel collegio che frequentavo, il Morosini, e venne a fare delle dimostrazioni. Fu amore a prima vista e contemporaneamente all’iscrizione all’università, mi iscrissi al CUS e cominciai con il CUS PADOVA. Gli allenamenti erano in un campetto parrocchiale e l’allenatore di allora era Gianni Tosato “Giannone”. Era il 1972 e da quell’anno il rugby fa parte della mia vita. Tra il 1977 ed  il 1980 cominciai ad occupami di giornalismo, lavorando per l’Eco di Padova mi occupavo della pagina dedicata al rugby  scrivendo di Petrarca, Fiamme Oro e rugby minore”. Leggi tutto….

18 gennaio 2017

TORNA Il Grillotalpa A RACCONTARE RUGBY:”PIU’ LABORATORIO DI IDEE E MENO CRONACA”

foto paolo wilhelm
Paolo Wilhelm, “Il Grillotalpa”

In principio fu “Il Grillotalpa”, uno dei primi blog sul rugby, spumeggiante e pragmatico, dinamico e completo, professionale ma senza esagerare. Paolo Wilhelm cominciò così a raccontare di cose ovali su e giù per il web, classe ’72, brianzolo di Lecco, una smodata passione per le serie televisive ma veramente roba da ricovero che se gli dite che non vi è piaciuta Breaking Bad vi toglie il saluto, è giornalista per R101.

Il Paolo ha fondato e popolato fino a poche settimane fa le pagine del primo portale del nostro sport OnRugby.it, quattro anni di successipoi ha detto stop. Fino a qui potrebbe anche essere tutto normale ma sul più bello che si immaginava il barbuto giornalista seduto su chissà quali lidi spumeggianti il Wilhelm ritorna, nel modo migliore: riapre il suo “Il Grillotalpa“, lo ripensa e lo rimette in moto.

Da ieri Paolo Wilhelm è tornato on line e da queste parti ne abbiamo approfittato per farci raccontare da lui qualcosa di più su questa eccellente rentrèe e poi chiacchierare sui media del rugby, poi sul rubgy e poi…. Leggi tutto….

5 gennaio 2017

CASSANDRE A STRISCIE: PARMA NON VALE UNA MESSE. ZEBRE ADDIO?

frederick-sandys-cassandra-c-1895
Cassandra in un dipinto di Anthony Frederick Augustus Sandys (1895)

Si parla di Zebre e la mente vola a Cassandra, nota figura mitologica, non solo legata alla sua preveggenza ma anche al fatto che, avendo autorevoli appoggi, sapeva bene quello che diceva. Insomma la Cassandra lo sapeva che il grande cavallo di legno che doveva entrare a Troia conteneva soldati nemici ma mica era cosa venuta fuori così per caso, il dono della preveggenza lo aveva avuto da un dio, Apollo. Torniamo alle Zebre che oggi, data 5 gennaio del 2017, sulle pagine del Corriere dello Sport compare uno scritto invero molto autorevole, la firma dice tutto: Francesco Volpe. Cassandra a confronto può impallidire. Leggi tutto….