19 gennaio 2017

TRE ANNI, SEI NOMI, IL PRO12 INCERTO DELL’ITALIA

franco-smith
Franco Smith vestito Cheetahs

Sapete cosa accomuna i noni di Gianluca Guidi ed Andrea Cavinato, oltre ad aver entrambi allenato Calvisano e da lì essere passati entrambi a dirigere le Zebre? Aver entrambi dovuto abbandonare la panca della franchigia ben prima della fine del loro campionato. Certo i motivi sono diversi ma il percorso è lo stesso e, soprattutto, lo stesso è l’epilogo.

Sapete cosa accomuna i nomi di Franco Smith e di Umberto Casellato? L’esonero dalla Benetton Treviso.

L’ultima domanda è d’obbligo, sapete cosa accomuna i nomi di Victor Jimenez e Marius Goosen? Quello di essere stati per ben due volte i sostituti degli Head Coach allontanati. Jimenez ha infatti in questi giorni preso in mano il timone delle Zebre al posto di Guidi. Leggi tutto….

18 gennaio 2017

TORNA Il Grillotalpa A RACCONTARE RUGBY:”PIU’ LABORATORIO DI IDEE E MENO CRONACA”

foto paolo wilhelm
Paolo Wilhelm, “Il Grillotalpa”

In principio fu “Il Grillotalpa”, uno dei primi blog sul rugby, spumeggiante e pragmatico, dinamico e completo, professionale ma senza esagerare. Paolo Wilhelm cominciò così a raccontare di cose ovali su e giù per il web, classe ’72, brianzolo di Lecco, una smodata passione per le serie televisive ma veramente roba da ricovero che se gli dite che non vi è piaciuta Breaking Bad vi toglie il saluto, è giornalista per R101.

Il Paolo ha fondato e popolato fino a poche settimane fa le pagine del primo portale del nostro sport OnRugby.it, quattro anni di successipoi ha detto stop. Fino a qui potrebbe anche essere tutto normale ma sul più bello che si immaginava il barbuto giornalista seduto su chissà quali lidi spumeggianti il Wilhelm ritorna, nel modo migliore: riapre il suo “Il Grillotalpa“, lo ripensa e lo rimette in moto.

Da ieri Paolo Wilhelm è tornato on line e da queste parti ne abbiamo approfittato per farci raccontare da lui qualcosa di più su questa eccellente rentrèe e poi chiacchierare sui media del rugby, poi sul rubgy e poi…. Leggi tutto….

17 gennaio 2017

RUGBY E SALUTE, MEDICI “SBADATI” IN CAMPO: EPCR INDAGA MUNSTER.

headinjury
L’infortunio a Brian O’Driscoll nel Sei Nazioni 2010

In campo ci vanno anche i medici ma non se ne parla mai mentre invece la cosa, in questo rugby moderno che fa della ricerca del massimo scontro fisico una strategia di attacco, dovrebbe essere all’ordine del giorno.

Lo è stato in questi giorni sul Daily Telegraph dove Richard Bath firma un pezzo che, partendo da un episodio sottaciuto dell’ultimo turno di Champions Cup, racconta le preoccupazioni di un rugby che si è fatto pericoloso ma anche eccessivamente “sbadato”. Leggi tutto….

16 gennaio 2017

ECCELLENTI IN CAMPO: PIU’ EQUILIBRIO O POCA TESTA?

ECC 2016 2017 8 giornata

Accidenti a quel piede, ma per le Fiamme Oro non è il caso di guardare alle pedate avversarie ma alle proprie. Ci sono piedi buoni e piedi … “meno buoni”. Gli ultimi sono quelli, marcati Fiamme Oro, che, a 5 minuti dalla fine, riconsegnano per ben due volte la palla agli avversari dopo solo pochi secondi di possesso. Eppure i ragazzi di Casellato avevano dimostrato di saper tenere il campo alla grande, superiori nella ariosità e nella quantità di gioco agli avversari rossoblù ma soprattutto avevano avuto fino a quel momento molte fasi nel proprio caricatore e la capacità di gestire bene il punto di incontro. A forza di restituirla quella ovale è arrivata a Basson, il drop dell’estremo ed ecco che in casa cremisi sfuma via tutto, metà degli appunti sul taccuino svaniscono, la presunta “maturità” dei poliziotti si fa scolastica, il campo vuole di più. Ma le Fiamme Oro ci sono o ci fanno?

Basson 6/6 al piede ed una buona regia di fronte alla mischia del sempre magico Chillon, segnalazione d’obbligo per Apperley, temibile. Rovigo ci aveva abituato a convincere di più, in futuro vincere potrebbe dover essere una cosa diversa. Leggi tutto….

13 gennaio 2017

ZEBRE, DOGI, LEGA: NON PER SFIDA MA PER IL RUGBY. PLEASE.

RBS 6 Nazioni, round 2, 09-02/2014, Parigi Stade De France, Francia v Italia, da sinistra; Ghiraldini,Geldenhuys,Bergamasco, Castrogiovanni e Parisse
L’Italia chiamò.

Dopo il capitolo della potenziale costituzione della Lega dei Club per la rivitalizzazione del Campionato di Eccellenza e del rugby nazionale, quello delle Zebre agonizzanti che cercano soldi o si spostano altrove, non poteva mancare la messa in discussione del terzo tassello del nostro vertice ovale: quello della Benetton Treviso. Il cerchio si è chiuso ed ora l’italrugby è liquida. Leggi tutto….