Diamogli un voto! E’ finito il girone di andata e cominciato quello di ritorno, questo fine settimana il Top12 va in pausa, ecco il momento giusto per cimentarsi nel gioco di dare un voto alle squadre. Ecco il voto di “Il Nero Il Rugby” ma, chiederete, su quali parametri? Se ne scelgono tre: aspettativa precampionato, gioco espresso, risultati conseguiti. Allora pronti via, in ordine alfabetico.

CALVISANO L’aiutino dell’Accademia non è evidentemente bastato a compensare l’abrasione dovuta alla partecipazione (assolutamente inutile ed ingloriosa) alla Challenge Cup. Squadra dall’incedere claudicante decisamente nelle gambe ma un po’ anche nella testa. Nonostante questo, il team di Brunello è fra le prime quattro anche se il suo gioco “pesante” non frutta più come una volta e l’elemento velocità è incerto. Il team di alto livello tecnico e l’ambiente positivo riescono a compensare. Calvisano è ancora una delle favorite al titolo finale. Voto: 8

COLORNO E’ entrata davvero nel campionato da poche giornate ed ha strappato punti di bonus alle grandi, ha vinto con le due dirette concorrenti, Lyons, e Lazio, quando lo era anche con Viadana. Sta imparando adesso a gestire il match fino all’ottantesimo, deve recuperare in difesa ma gioca molto bene con i primi otto. Risultati sopra le aspettative. Voto: 7

FIAMME ORO Ogni anno sembra sia quello buono ma la discontinuità rimane un elemento non eludibile per le Fiamme. Tre partite, nella sostanza ed anche nel risultato raccontano cosa sono state le Fiamme Oro fino a qui: la sconfitta risicata con Rovigo (15-14), la vittoria risicata con i Lyons (36-35) ed il pareggio con il Valorugby (30-30). In mezzo però c’è il 24 -0 subito dal Petrarca. Negli ultimi match sono parse più ariose e determinate, forse le Fiamme hanno acceso davvero i motori? Solo la posizione di classifica per ora alza il voto perchè le aspettative erano ben altre. Voto: 6-

LAZIO Presentarsi ogni anno allo steccato di partenza sapendo di giocarti la salvezza deve essere durissimo ma non è una scusante valida. Poi capita che in estate qualcuno di forte deve lasciare il Club e la Lazio si trova a fare gli straordinari con l’ovale. Gioco meno impostato degli anni scorsi, problemi di regia a cui non si era abituati. Troppi errori. Fino ad ora non si è visto un gran che ma l’ultimo colpaccio alza il voto. Voto: 5+

LYONS PC Neo promossa, quindi super-giustificata, che arriva alla tredicesima giornata giocando ancora come fosse in serie A. Questo è molto rischioso e non fa bene allo spettacolo ma questo non conterebbe se non fosse che i Lyons rendono in campo molto di più quando sentono di poter “risolvere” la pressione della classifica. Per il Top12 è ancora davvero poco. Voto: 5-

MEDICEI La squadra del “quasi”. Campionato dignitoso, forse all’interno delle reali aspettative del club. Quello che alza il voto è il gioco espresso (quasi sempre..). Questi Medicei sono (quasi) belli da vedere, hanno una buona difesa e sanno far ragionare insieme avanti e trequarti. Quasi in equilibrio. Una loro partita vale (quasi) sempre il biglietto. Quando serviva hanno (quasi) sempre vinto.  Voto. 7-

MOGLIANO Cosa si voleva di più? Se il mondo moglianese si aspettava più di così aveva fatto i conti senza l’oste. Certi scivoloni erano evitabili ma la testa di questi ragazzi riesce a passare dalla sconfitta con i Lyons alla larga vittoria con il Petrarca. Lo staff tecnico sta cercando un gioco ampio e godibile ma ci vuole tempo. Per ora non c’è ma sappiamo aspettare. Voto: 6 

PETRARCA Gestione della crisi a buon punto anche se non si sa ancora se sta più nella testa dello staff o dei giocatori. Di sicuro certe scelte dalla panchina hanno pesato. Risultati sotto le aspettative. Il Petrarca schiera molti giovani destinati ad altri palcoscenici, qualcuno dice che sono qui per sbagliare, perchè qui possono. Filosofia apprezzabile o no ma in campo questo troppo spesso si è visto. Ultime giornate decisamente più hot che alzano il voto, ha vinto il Derby d’Italia. Voto: 6,5

ROVIGO Cresciuto alla distanza, si è portato a casa la Coppa Italia con grande autorità. Ha perso solo una partita, però era il Derby d’Italia. Il gioco va a corrente alternata, in genere non bello ma efficace. Lo staff si deve interrogare sui troppi infortuni. Rovigo ha un pool di giovani dai quali ricava decisamente di più…. Anche questo conta.Che dire? Voto: 9

SAN DONA’ Ci si aspettava di più. Maggior protagonismo, maggior consistenza nel reparto classico (non si scrive neppure quale perchè è ovvio), maggior apporto dei quotatissimi pesi leggeri. Vivere sulla scorta di un ottimo straniero e di una manata di vecchie volpi non era quello che si pensava. Come la canzone: si può dare di più. Voto: 5

VALORUGBY Chiude l’andata ed apre il ritorno in calo dopo aver fatto faville. La squadra pare non sappia ancora vivere l’aria fina dell’essere una favorita alla vittoria finale. Aspettative alte e ben rispettate, è una bellezza vedere giocare questa squadra che esibisce un ottimo coordinamento fra i reparti e la capacità di sfruttare al massimo ed in velocità le fasi statiche. Forse può fare ancora di più. Reggio Emilia è la rivelazione dell’anno. Il voto sul campo sarebbe decisamente molto più alto ma i Terzi Tempi si fanno sempre. Il rugby conta più delle bizze. Voto: 6-

VIADANA Campionato indecifrabile, ha vinto con due fra le prime in classifica e con le ultime. In mezzo un mezzo disastro. Caratteristica principale una difesa ottima ed un buon lavoro sul punto di incontro, poi c’è un po’ di confusione. Le aspettative erano molto diverse Il suo Coach dice che adesso ci sono. Fino ad adesso però davvero poco. Voto: 5,5

Da queste parti la si vede così. Per il Top12 si dovrebbero dare anche altri voti, agli arbitri ad esempio, ma quello è un capitolo che si tiene aperto. Forza Top12. Forza rugby!

One Comment to: TOP12, FINO AD OGGI E’ ANDATA COSI’: UN VOTO PER CIASCUN TEAM

  1. Corto Monzese

    febbraio 19th, 2020

    Occorre dire che i “quasi” hanno quasi se non sicuramente la ‘coperta più corta del campionato’ … nel girone di andata hanno quasi vinto con tutte le grandi …e hanno quasi battuto tutti i record con il loro numero di infortuni di questa stagione 2019-20. Molte grazie