Nel riquadro Giovanni Poggiali Candidato alla Presidenza della FIR

E’  Giovanni Poggiali, attuale Presidente del Comitato Emilia Romagna, il candidato di “Pronti al Cambiamento” (PALC) per la carica di Presidente Federale, e con questo il lungo lavoro della Federazione di questi anni trova il suo completamento: il Veneto ovale torna ad essere terreno di conquista, merce di scambio, territorio da battere all’asta pezzo dopo pezzo, pallone dopo pallone.

Perchè il PALC è nato proprio da una spinta propulsiva della regione a maggior vocazione (e risultati) ovale di tutto lo stivale, il Veneto appunto. Il PALC voleva rompere un tabù, quello che un veneto non potesse essere il Presidente della FIR, che quella regione così forte ed attiva nel rugby non potesse essere la locomotiva di tutto il movimento, una operazione geografica davvero rivoluzionaria che puntava a diffondere il Veneto nel resto d’Italia  ma anche a favorire una unione reale della regione. L’attuale Presidente Federale Alfredo Gavazzi ha lottato con tutte le sue forze per rompere questo progetto e la candidatura di Poggiali è forse il suo miglior risultato.

Del resto la celere intervista subito rilasciata dallo sconosciuto candidato fiorentino-romagnolo al Gazzettino è già una ammissione di colpa perchè lui ci tiene a dirci che “il Veneto è strategico” e via così ma quando gli chiedono della franchigia per il Pro14 a Padova risponde che deve sentire questo e quello e la ondivaga dichiarazione significa palesemente che prima deve chiedere a quelli di Parma e di chissà quante altre città cosa ne pensano. Insomma il Poggiali non poteva essere più chiaro.

Il Giovanni Poggiali arriva a noi da candidato nel solco di “10 parole per ripartire”, un manifesto, non un programma, con dieci parole (squadra, competenza, programmazione, trasparenza….ecc ecc) tutte belle e tutte “sante” ma sono appunto solo “parole”, che però non sono un programma di governo, una visione della FIR di domani e via così. Il programma non c’è, lo stesso Poggiali di fatto ammette che quello evidentemente lo deve mediare andando in giro a cercare voti, anche se la sua versione è:”..uscirà dall’incontro con i club..”. Esattamente come raccontò di fare Alfredo Gavazzi a suo tempo, poi dicono che quelli del PALC non hanno imparato nulla.

Per il resto magari il Poggiali potrebbe essere un buon candidato, quando si capirà chi è si vedrà, non si esclude un domani, il tempo a volte è tiranno ed a volte è galantuomo, visto il poco che c’è in giro, doverne persino auspicare l’elezione. Mah.

Ad oggi però il Giovanni del PALC, visto da questo angolo brutto, sporco e cattivo, sembra più il rappresentante per il tavolo della trattativa. Con chi? Con un altro candidato. Insomma del Poggiali rimane il dubbio che sia un candidato alla Vice-Presidenza.

Intanto il Veneto aspetta, il tavolo è sgombro, magari il Gavazzi si ritira e candida uno di loro, un padovan, un trevigian, un furlan…ci avete mai pensato? Urca che botta sarebbe.

La corsa è cominciata. Speriamo ogni tanto si senta anche parlare di rugby.

2 Comments to: POGGIALI CANDIDATO METTE IL VENETO ALL’ASTA

  1. Mimmo

    gennaio 21st, 2020

    Per parlare di rugby devi rivolgerti a Marzio Innocenti…

  2. Paolo A.

    gennaio 23rd, 2020

    Mi sembra un “cambiamento” di gattopardiana memoria…