Mondiali finiti, è arrivato il momento. L’evento che ha definitivamente scoperchiato il disastro tecnico in cui è precipitato il nostro rugby è finito e ci ricordiamo bene che ci aveva suggerito una domanda. Ri-eccola.

Dopo tutto quello che è accaduto alla nostra Nazionale, dopo il fallimento palese del progetto giovanile e di tutto il nostro rugby in questi anni, Francesco Ascione capo supremo del nostro rugby, capo di allenatori, arbitri e accademie insomma lui, Responsabile Area Tecnica e Presidente della Commissione Tecnica Federale come mai non ha ancora rassegnato le sue dimissioni? 

Ne abbiamo parlato da questo spazio web il 7 ottobre (se volete rileggerlo cliccate qui) il silenzio federale che ne è seguito è prima di tutto una ammissione di colpa perchè se pensano davvero che si possa restare senza una risposta su questa enorme domanda che prende direttamente al collo il nostro rugby allora non hanno davvero capito nulla.

Cosa fa un dirigente quando il suo progetto fallisce?

Lo si è già scritto ed anche motivato a dovere:”…Il responsabile dell’Area Tecnica e di tutto quel che segue (arbitri, allenatori, accademie ecc ecc) può dare immediatamente le dimissioni. Non è uno scandalo, è solo realismo. Però è di quello che ci serve davvero. Abbiamo urgenza di ricostruire”. 

Così in testa a questo pezzo ci sono i nomi di tutti i Consiglieri Federali, molti di voi ne conoscono uno o più di uno, magari avete il suo numero di telefono o la sua mail, allora scrivetegli, telefonategli, mandategli un messaggio, chiedeteli semplicemente:” Dopo il palese insuccesso del progetto tecnico federale perchè il Responsabile CTF non ha dato le dimissioni?”

Scoprirete così il perchè o forse scoprirete se il vostro Consigliere di riferimento è più legato alla politica o al rugby, se è immerso nel realismo, nello sconcerto, nell’immobilismo, nella saggezza o nella convenienza e molte altre cose. Non tutte piacevoli.

Abbiamo fatto una domanda, il silenzio ricevuto è già una risposta adesso vorremmo si pensasse il rugby e quindi: dopo il palese insuccesso del progetto tecnico federale perchè il Responsabile CTF Francesco Ascione non ha dato le dimissioni?

2 Comments to: CHIEDILO AL CONSIGLIERE FIR: PERCHE’ ASCIONE NON HA DATO LE DIMISSIONI?

  1. Paolo Bianchi

    novembre 5th, 2019

    Non dobbiamo dimenticare il fallimento ancora più grave delle politiche arbitrali (Ascione-Dordolo): neanche un arbitro, giudice di linea o TMO ai mondiali. Almeno la nazionale ci è andata, i ns ufficiali di gara nemmeno hanno partecipato.
    Ed a dirla tutta neanche nel campo della disciplina (Giudici e Citing) siamo riusciti a mandare qualcuno. Anche qui non abbiamo nemmeno partecipato.
    Visto nel suo insieme, direi non sia stato proprio un bel risultato.
    E’ assolutamente necessario che chi viene pagato in FIR per svolgere certi ruoli (quindi non solo Ascione) , non avendo raggiunto gli obiettivi assegnati, sia dimissionato (visto che sicuramente nessuno presenterà le dimissioni di iniziativa) , o perlomeno gli si cambi mestiere.
    I mondiali di Francia fanno presto ad arrivare.

  2. Hector

    novembre 6th, 2019

    Qualcuno, Associazioni e Società Sportive, ha dato loro i voti per ricoprire posti e cariche. Sono l’espressione del movimento rugbystico nazionale, come i politici lo sono della società. D’altronde, lo Sport è sempre stato politica