Senza nomi e cognomi, senza Test Match, senza vittorie e delusioni, senza rete: rifacciamo i gironi mondiali (“pool”) in base “all’apparenza”? 

Un Mondiale non si prepara negli ultimi tre mesi, sono anni che gli Head Coach di tutti i team preparano ogni particolare, nel frattempo fanno risultati belli e brutti, dicono cose, convocano e sconvocano… Le loro classificazioni “tecniche” si basano su questo ma dentro c’è anche una bella dose di “apparenza”.

Oggi allora da queste parti dividiamo le Nazionali dei Mondiali in altre “pool” guardando i team per come hanno dato l’impressione di arrivare a RWC2019.

POOL REFINEMENT – Quelli che ricercano la “perfezione”, sono forse in quattro che se lo possono permettere o almeno riescono a dare la sensazione di poterlo fare, chi? Da queste parti si guarda al Galles, All Blacks, la stra-chiacchierata Inghilterra, l‘Irlanda che ha un cappello più grande di quello che si pensa e una marea di conigli dentro. Questi perfezionisti sono talmente bravi che a volte vengono a noia, però correremo per vedere ogni loro match. Una cosa: sono nel mirino di tutti gli altri, fare “del male” a questi qui vale più della stessa coppa.

POOL OUT OF THE NIGHTMARE  Sono quelli che si sentono anche un po’ miracolati, sono (forse) usciti dall’incubo o almeno così si presentano a RWC2019. Sono quelli che solo due anni fa stavano nelle peste o giù di lì. I top del girone sono la Francia e proprio il “nostro” Sudafrica, le ultime prove dei due team sono molto convincenti, gli africani danno pure l’impressione di essere una corazzata, ma è tutto così a posto? A fare loro compagnia nel girone ci sono altre due che l’incubo ce l’hanno ancora nel cassetto, Australia e Fiji. Di queste due la prima è la candidata numero uno alla figuraccia del mese ma il girone fortunato che le è toccato potrebbe salvarla.

POOL SURPRISE! Sono quelli che puntano a fare gli outsider, che sanno di essere una mezza incognita o che ci hanno tenuto a nascondersi un po’. Sono quelli che vogliono fare lo scherzetto a qualcuno, magari uno dei perfezionisti. In questa pool ci sono in prima fila Scozia ed Argentina, poi un po’ dietro il Giappone che gioca in casa ed una sorpresa da fare al suo pubblico la vuole a tutti i costi.

POOL GHOST E’ il gruppo di quelli che al Mondiale pare abbiano poco da dire ma che sono dei veri fantasmi che potrebbero colpire senza essere (per ora) visti, ma sono anche quelli che se va male non cambia poi molto ma se fanno un colpaccio qualcosa lo cambiano davvero. In prima fila Italia e Georgia, la seconda ha un girone che le permette apparentemente più ambizioni. Con loro ci sono anche gli USA che arrivano per la prima volta ai mondiali con un ricco campionato professionistico fatto in casa alle spalle ma ancora non preparati per dire davvero la loro.

POOL ANCORATUMANONDOVEVAMOVEDERCIPIUTonga, Samoa, Uruguay, Russia, Namibia, Canada. Sono quasi tutte Nazionali che manca sempre un pelo perchè ci lascino e poi …. all’ultimo… . Per quelle del Pacifico magari il discorso è un po’ diverso, il loro rugby fa parte dei grandi circuiti mondiali, se stanno con le altre di questo gruppo è dovuto a fattori anche extra-sportivi. Per le altre però è il solito miracolo esserci, forse fa eccezione il Canada, “nobile” decaduta del quadriennio trascorso.

Dai che arrivano i Mondiali !