Dire “domani resto a casa” oppure “domani non vado al mare” non è la stessa cosa. Di solito si racconta il positivo, si dice quello che accade non quello che NON accade. Ecco invece scovati qua è la sul pianeta ovale alcuni di questi casi “strani”. Vanno tutti presi con un sorriso (quasi tutti).

LA CERTEZZA DI GATLAND. Warren Gatland, il vincente Head Coach del Galles,  ha sentito il prurito di dire alla stampa inglese quali NON sono i suoi programmi nel dopo Mondiale. Avete capito bene, ha detto cosa non farà e ci ha detto a chiare lettere che non farà  il Coach dell’Inghilterra. Ognuno ha le sue certezze, quella di sapere cosa non si fa è già un inizio anche se di solito è l’altra ad essere più utile. Beh, sta di fatto che Warren è Warren ed i giornali inglesi su quello che lui NON fa ci hanno fatto lo stesso titoli ed articoli belli cicciotti..

IL PETRARCA TUTTO BENE E’ periodo di “mercato” e fioccano  le notizie di giocatori che hanno confermato la presenza nel loro club o club che annunciano l’arrivo di nuovi innesti. Così è accaduto che in queste settimane alcune Società hanno annunciato l’ingresso fra le loro file di giocatori che hanno militato nel Petrarca nell’ultima stagione, una ha annunciato di un suo giocatore che, al contrario, invece si dirige verso la Società padovana. Preso da questa tempesta di comunicazione (di alcuni dirigenti petrarchini si dubita persino dispongano dell’uso della parola) il Petrarca ha redatto un comunicato stampa con la lista di… coloro che lasceranno la Società, coloro che l’anno prossimo NON ci saranno. Basterebbe arrivare fino a qui, ma la cosa particolare è che la Società padovana nel comunicato ci ha tenuto a sottolineare il carattere quasi “salvifico”, meraviglioso, positivo di tutti questi “ciao ciao”. La festa del “ciaone”. Relax.

ONRUGBY … A PRESCINDERE Gli azzurrini dell’Under20 sono in Argentina a giocarsi il loro solito mondialito. Qualche giorno fa il super-portale OnRugby ha  titolato così in vista del loro terzo incontro.”Mondiale Under20: l’Italia cerca continuità contro l’Irlanda“. Considerato che le prime due partite erano state perse il titolo era almeno strano e pareva una di quelle cose al contrario in cui si incappa quando a forza di dire che la pasta è sempre cotta ci si dimentica il significato della parola “cottura”. Sta di fatto che i nostri azzurrini hanno perso ancora. Il dubbio ci assale: quelli di OnRugby ci hanno azzeccato o no?

ROVIGO … Così ad Umberto Casellato è toccato comunicare che NON sa se il giovane Leonardo Mantelli sarà ancora rossoblù il prossimo anno. Il Leonardo si sta allenando con le Zebre dove c’è la fila di mediani di apertura ma ora la fila c’è anche a Rovigo (new entry Ambrosini e Mennitti-Ippolito) e quindi NON sapere dove lui andrà non è normale, in coda? Ma forse lo sanno. Magari NON sanno di saperlo?

CALVISANO CHALLENGE La società Campione d’Italia del Calvisano Rugby, vincitrice del Continental Shield si è iscritta alla Challenge Cup proprio in funzione di quest’ultimo successo (raccolto ancora contro Rovigo). I discorsi secondo i quali una società di Eccellenza/Top12 non è preparata a quella competizione, che non ci può andare da sola, che la FIR deve intervenire, che per andare in quella competizione bisogna mettere in campo una selezione dei migliori di tutto il campionato, che non si può andare in Challenge a prendere 60 punti a partita dai francesi ed inglesi, ebbene tutti questi discorsi e  molti altri dello stesso tono sono così improvvisamente svaniti in un lampo. Era tutto sbagliato adesso vale il contrario. Avevate dubbi?

Leave a Reply

  • (not be published)