Oggi i protagonisti sono due, per una volta sono insieme, stretti stretti. Ecco tre pillole del nostro rugby… vediamo come vengono.

A ROVIGO SCOPPIA LA PACE – Il Presidente del Rugby Rovigo Francesco Zambelli aveva pure dato le quasi-dimissioni questa estate per questo affaire. Dalla Monti Rugby, vivaio junior del rugby rodigino, già qualche settimana fa avevano però giurato sul quasi-accordo nella disputa con la Rugby Rovigo Delta, che sono quelli grandi, della Eccellenza per intenderci. Il tema è il controllo del vivaio ma anche no, quello era un quasi-tema. In tutti i casi dopo mesi di quasi-tira e quasi-molla è scoppiata la pace e, dopo ennesima riunione che la stampa locale giura essere stata di almeno 6/8 ore, l’accordo è raggiunto. Un accordo chiaro e limpido tanto che Zambelli avrebbe dichiarato:” ..lo spirito è conciliante e collaborativo con la Monti. Nei prossimi giorni ci incontreremo per definire i dettagli“. Ahi, un quasi-accordo di una quasi-pace di un quasi-litigio. Nebbia.

BILANCIO FIR E COMMISSARIAMENTO Il Bilancio della FIR con le sue perdite economiche degli ultimi 3 anni su 4, le ispezioni del CONI e il respingimento da parte di quest’ultimo del piano di rientro contabile emesso dai vertici del rugby nazionale, è in Parlamento. Ci hanno pensato un gruppo di Deputati di diverse forze politiche che, a mezzo Interrogazione, chiedono ora al Governo quali azione stia facendo il CONI, che va ricordato è un Ente dello Stato, per mettere al sicuro il rugby nazionale. In particolare l’Interrogazione ipotizza il CONI intervenga con un commissariamento della FIR che lascerebbe a casa l’attuale Presidente Alfredo Gavazzi. I più giocherelloni sono partiti subito con le ipotesi sul nome del Commissario, c’è chi ha detto possa essere il barbiere di Calvisano, altri che hanno ipotizzato il salumiere, altri ancora propendono per il parroco di Calvisano. I più attenti alle questioni politiche hanno però pensato che mettere in quella posizione una persona di Calvisano avrebbe potuto creare disappunto in molti ed anche un certo sospetto e perciò hanno proposto il barbiere di Remedello, oppure il salumiere di Remedello  o il parroco di Remedello.

C’E’ A ROVIGO UNO IN CASTIGO Restiamo a Rovigo dove Jason Wright, allenatore dei trequarti della prima squadra rossoblù, è in panca puniti, la Società lo ha sospeso dalla attività per 15 giorni per aver detto alla stampa che voleva ben altri giocatori che non quelli arrivati questa estate fra le file rossoblù. Sul caso Wright Rovigo è divisa in tre parti. Da una parte quelli che pensano Wright non abbia detto nulla di strano che non direbbe un allenatore di calcio qualsiasi, dall’altra dicono che anche a Rovigo avrebbero tanto voluto avere un altro allenatore dei trequarti ma hanno preso quello che c’era in giro. Poi c’è la terza opinione, che è quella di chi ci mette i soldi. Appunto.

Pillole amare e pillole ridanciane. Il rugby è uno sport, non dimentichiamolo e buon divertimento!