PRO12 18

Primi giorni di marzo è appena finito il match Scarlets – Benetton Tv, i gallesi hanno vinto 24 – 15, senza strafare ma i punti sono arrivati per loro e zero per la Benetton, neanche il bonus. Marius Goosen appare quasi raggiante e parla con la stampa così della sua Benetton:” I ragazzi mi hanno impressionato riuscendo a recuperare tutto il divario iniziale, il fatto di aver annullato tutto il loro vantaggio è stata una cosa positiva; poi però è subentrata forse la paura di vincere. Cosa mi ha colpito di più? La voglia e la volontà dei ragazzi. Hanno anche commesso degli errori, nell’uno contro uno non sono stati proprio impeccabili, ma la squadra non si è mai tirata indietro”. Caspita Marius ce l’hai fatta, finalmente, sembra una cosa stupenda ed infatti poco prima della partita con i Blues del trascorso fine settimana alla stampa Marius racconta:”La squadra adesso ha senz’altro maggiore confidenza ….. E’ chiaro che aspetto i nazionali per alzare il livello di competitività interna stiamo crescendo e riprendiamo gli allenamenti. A Cardiff andremo con fiducia e voglia di dare battaglia”. 

Il risultato di questa meravigliosa Benetton che ha “confidenza” che ha “fiducia” e voglia di “dare battaglia” è scritto qui sopra però se a Goosen piace prenderci in giro anche a da queste parti piace farlo a lui e così lo riscriviamo: 56 a 8. Vogliamo far notare al Marius che questa cocente sconfitta non arriva con i primi in classifica e che certe manfrine da gran avvenimento e grande progressione forse ogni tanto ce le può risparmiare. La sua Benetton Treviso gioca da far pietà e non ci si dilunga che è come sparare sulla Croce Rossa.

Marius Goosen è Director of Rugby della Benetton Treviso, prima era Team Manager, la sua “direzione” si è già mangiata due allenatori (Smith e Casellato) ai quali è regolarmente subentrato. Potremmo quasi dire che negli ultimi anni ha avuto in mano la squadra tanto lui quanto i coach designati ed i risultati sono stati a dir poco disastrosi.

Ma a qualcuno non è venuto un dubbio?

.

4 Comments to: PRO12 : SAPEVATE CHE MARIUS GOOSEN E’ IL DIRECTOR OF RUGBY DI UN DISASTRO?

  1. Angelo

    marzo 29th, 2016

    Onestamente non condivido quasi per niente quanto sopra se non le “azzardate” dichiarazione di Goosen dopo il match Scarlets Vs. Benetton.
    Il “disatro” a Treviso è cominciato molto prima quando, in lite con la Fir” la Benetton aveva manifestato l’intenzione di non partecipare al Celtic. Poi, convinta, dai soldi della Fir ha fato marcia indietro ma nel frattempo molti pezzi da novanta avevano, giustamente, scelto altre strade. Se ne andò diciamo il DG Munari. All’epoca non vedo che colpa si possa dare a Goosen, team manager. Ha solo traghettao la squadra demotivata sino alla fine del campionato. Poi è arrivato il Sig. Casellato alla guida tecnica. Qualcuno assieme a quest’ultimo avrà pure fatto gli acquisti dei giocatori.
    Tutti sanno come è finita la stagione scorsa con colpa che il cantiere era in lavorazione …. Ma poi il tempo c’era per allestire una discreta squadra. Evidentemente, visti gli imbarazzanti risultati ottenuti sin qui, sono stati presi degli atleti non all’altezza. Sconfitte su sconfitte. Che cosa doveva fare la Società? Cacciare mezza squadra o cambiare un uomo? Si è scelta la cosa più semplice e fattibile. Il Goosen era si il Direttore del Rugby della Benetton e poi è stato di nuovo messo a traghettare la squadra, ma dire che il disatro delle prestazioni della Benetton rugby sia tutta colpa sua non sta nè in cielo nè in terra.
    Poi in campo ci vanno i giocatori e subire quattro mete in 10 minuti a questi livelli è molto ma molto imbarazzante.
    La colpa è di tutti lo staff presidente in testa o forse più semplicemente perchè allestire un team competitivo per la Celtic ci vuole un budget piuttosto alto. Gli stranieri VALIDI costano ……Se non ci sono i soldi meglio giocare in Eccellenza.

    • marzo 29th, 2016

      Ottimo Angelo e mille grazie per la tua opinione, ti segnalo però che molte cose sulle quali tu dici di non essere d’accordo con me io non le ho scritte. Non si capisce nemmeno se tu abbia letto il pezzo che ho davvero scritto perchè altrimenti come farei io ad essere d’accordo con quasi tutto quello che scrivi tu? Un salutone a te e forza rugby!

  2. Walter

    marzo 29th, 2016

    Disaccordo totale! Scaricare su Goosen colpe altrui (FIR in primis) è scorretto oltre che ingiusto. Piuttosto chiediamoci perché Smith è Munari se ne sono andati. E avremo tutte le risposte alle problematiche Benetton.

  3. Angelo

    marzo 29th, 2016

    Il tuo l’articolo l’ho letto bene. D’altronde il “catenaccio” è piuttosto esplicito e invogliava a vedere cosa c’era scritto dopo.
    Forse non hai capito bene quello che volevo dire o mi sono spiegato male.
    Goosen non ha “mangiato” nessun allenatore. Ha solo rilasciato una frase un poco azzardata dopo la sconfitta con gli Scarlets fidandosi anche di una certa reazione che la squadra aveva mostrato negli ultimi incontri. Reazione cancellata dall’orribile e vergognosa partita giocata a Cardiff. D’altronde in campo ci vanno i giocatori, per la verità, di livello basso in generale, altrimenti non sarebbero ultimi in classifica.
    Per il resto non condivido niente e sono pienamente d’accordo con il post di Walter.
    Cordialità.