25196830735_dd8ebbd790_c

La maglia giusta

Dice il Rugby Rovigo:Alla luce di quanto emerso sulla stampa locale, la Società intende sottolineare come tutti gli sponsor siano di fondamentale importanza per il perdurare della Rugby Rovigo Delta… ” continua il Rugby Rovigo:” … è stato costituito un team di persone avente lo scopo principale di soddisfare tutte le richieste degli sponsor….Nel corso di queste ultime settimane, molte sono state le idee di cui si è discusso per rendere omaggio ai nostri sostenitori economici….” ci fermiamo qui perchè sono 258 parole totali, 1668 battute sulla tastiera che a Rovigo hanno usato per dire a tutti in un comunicato ufficiale che vogliono tanto bene agli sponsor, a tutti indistintamente, che ne vogliono altri e via così. Urca !!

Cosa è accaduto? Capita che la Femi CZ Rovigo avesse messo all’asta una maglia con la firma dei giocatori per una iniziativa benefica ma che la maglia in questione, apparsa sui media, fosse quella della stagione trascorsa. Pare uno sponsor se la sia presa davvero a male ma soprattutto che la stampa locale si sia divertita a stuzzicare la macchina da guerra rossoblù. Ecco allora la lettera d’amore di 258 parole dedicata agli sponsor, amore infinito ed eterno e se qualcuno ha pensato di averci le corna …. negare tutto, negare sempre !

Insomma pare che qualcuno non avesse capito, in casa rodigina, che fare marketing significa anche non prendere la prima maglia che capita dal cassetto, perchè il “professionismo” passa anche e soprattutto da quel cassetto. Fino a qui tutto scontato ma quello che non si capisce è tutto il can can scatenato a mezzo stampa per questo errore assolutamente veniale nel nostro rugby (ahimè), ma su questo forse ci sarebbe da scrivere un trattato sui nervi scoperti.

Troppi segnali da inizio stagione ad oggi consiglierebbero a tutto l’ambiente rossoblù di darsi una calmata, di organizzare più cene e meno processi, darci sotto con la birra insomma e lasciare da parte certe diatribe di tono minore, insomma una cosa tipo “l’amore vince sempre”. Per il professionismo, quello vero, c’è tempo ed ancora tanta strada da fare. Tutti. Calma e sangue freddo.

.