properzi

Franco “Kino” Properzi Coach del Mogliano

L’Eccellenza alle fasi finali, questo fine settimana l’andata delle semifinali, Mogliano Vs Calvisano e Fiamme Oro Vs Rovigo, la prossima settimana il ritorno a campi invertiti e poi avremo i nomi che si giocheranno la finale.

Fino a qui il Campionato ha rilasciato alcune sorprese significative una per tutte il fatto che sia stato San Donà e non il Petrarca quest’anno a giocarsi fino all’ultimo la quarta posizione, l’altra è stato il Viadana che ha chiuso una stagione che molti avrebbero scommesso ben più arida di soddisfazioni.

Fra le sfide di semifinali in cima alla vetta c’è Rovigo, costruita per vincere la squadra di Frati sembra essere arrivata all’appuntamento finale con il ritmo giusto, i rossoblù sono riusciti persino a passare quasi indenni il fuoco di fila che, per motivi di vera follia da calendario “europeo”, li opponeva oltre che a Mogliano, Fiamme Oro, Viadana per il Campionato ad una inutile doppia sfida con il Calvisano per l’accesso alla  Challenge Cup. Si sta sfoltendo la ressa che il Rovigo aveva in infermeria e si stanno preparando i grandi piani per affrontare i poliziotti di Presutti.

Le Fiamme Oro soffrono un campionato che ha regalato loro un finale durissimo e non c’è tempo per rifiatare. Favoriti per la vittoria e l’accesso in finale ad oggi da queste parti sembra essere Rovigo a patto che riesca a chiudere i rifornimenti che le Fiamme Oro riescono sempre a recuperare dalle situazioni statiche e metta un po’ più di fantasia in mediana nella costruzione del gioco.

L’altra sfida è ben più incerta. E’ certo solido e di altissimo livello il Calvisano, squadra che si fa più forte più il clima si fa difficile ma Mogliano ha gli anticorpi giusti. I calvini soffrono tremendamente la velocità dei trevigiani mentre questi ultimi devono garantirsi la non egemonia in mischia dei gialloneri. Properzi ha più varianti e gode della genialità di Barraud, vero uomo-partita. Sta invece nei primi otto e nella tenuta atletica la sicurezza di Coach Guidi;  generalmente dominatore delle fasi statiche il Calvisano ha la capacità di uscire alla distanza nel corso degli ottanta minuti e confezionare colpi durissimi negli ultimi minuti di gioco. Fare un pronostico qui è tutto un azzardo anche se Mogliano pare avere motivazioni e condizione giusta per farcela.

Di dubbio gusto la scelta della Federazione di nominare Damasco a fischiare il Calvisano, a volte pare proprio che le strutture della FIR si divertano a fomentare invece di spegnare i fuochi che minano il nostro ambiente. Dopo la pessima figura di Damasco nell’arbitraggio della scorsa finale scudetto, dopo le accuse mosse contro di lui di “partigianeria” a favore della squadra del Presidente Federale non era meglio dargli un po’ di riposo? Era proprio necessario vedere questo arbitro nelle fasi finalie per di più ad arbitrare il Calvisano?

Ci vediamo allo stadio. Forza Eccellenza.

.

2 Comments to: LO SGUARDO IN SEMIFINALE ECCELLENZA

  1. Zagor

    maggio 14th, 2015

    Purtroppo abbiamo a che fare con uno,gavazzi che ama proprio fare questo,cercare rogne,sfidare tutti alla 300,sapendo di poterlo fare.Non vi sono parole se non la certezza che Calvisano deve avere tutto il supporto possibile per vincere,perché ad un uomo come Vaccari,vera mente grigia,molto grigia della federazione, la cattiveria e la meschineria non manca di certo. Povera gente….

  2. rob

    maggio 15th, 2015

    Concordo e aggiungo l’inadeguatezza di Mr.Rizzo vista soprattutto in finale trofeo eccellenza. C’è bisogno di arbitri che fischino! Vedi Rovigo-Calvisano… Ma è così difficile essere più presenti e autoritari? Perchè i giocatori di Calvisano sono sempre inclini alle proteste? ….Ah è vero…con gli arbitri che abbiamo…