pillole

E IO PAGO  La Rai non si smentisce mai ed il rugby finisce in pasto al palinsesto ed è solo l’inizio da qui alla fine ne vedremo delle belle. Raisport si è fatta pagare dalla FIR per trasmettere un match alla settimana del Campionato di Eccellenza. La FIR, per pagare la TV di stato, ha rinunciato d elargire a parte delle sue “liberalità” verso i club dello stesso Campionato. La partita del prossimo fine settimana dedicata alla tv doveva essere alle 15 ma la RAI l’ha spostata alle 13.10 per esigenze di palinsesto. Alle 15 c’è dell’altro, forse il campionato nazionale di biliardo, non si può fare rugby a quell’ora e la RAI sposta la partita, la anticipa, lei decide quando si gioca, quindi la prossima domenica il match Viadana vs San Donà verrà giocato alle 13.10. La FIR ha protestato, assolutamente no, tutto normale, in fondo sono soldi tutti e solamente suoi e lei con i suoi soldi ci fa quello che le pare. Telecronaca di Nicola Sangiorgio, commento tecnico di Andrea Gritti.  Buon pranzo.

PARISSE HA PARLATO. E’ noto a tutti che le uscite di Sergio Parisse nei pre-partita della Nazionale sono quanto di meno attendibile ci sia sul mercato delle dichiarazioni stampa; ad uscite come “in campo per vincere” corrispondevano figure barbine mai viste prima, insomma i suoi “vinceremo” corrispondono al peggior distacco o alla ennesima sconfitta disonorevole. Non è una colpa, si vede che Parisse mette davanti al microfono la stessa passione che mette in campo. Per i prossimi test match però il Capitano ha fatto una dichiarazione stampa davvero inquietante: “C’è un forte desiderio di dimostrare le nostre capacità“. Ahia.  Sergio, ti preferivo prima.

QUESTA CASA NON E’ UN ALBERGO Tre giocatori delle Zebre sono stati giustamente puniti per aver violato il codice della franchigia federale, i tre sono Chistolini, Ferreira e Leo Sarto. I tre avevano preferito mangiare in un ristorante fuori dall’albergo invece che con tutta la squadra perchè il menù non era di loro gradimento.Sono stati molto correttamente prima sospesi e poi, dopo aver chiesto scusa alla squadra, sono stati multati.Tutto giusto. La cosa che però ha infervorato le menti avide degli acuti osservatori è la dichiarazione dal Presidente delle Zebre Bernabò all’indirizzo dei tre quando ha saputo del fatto, ha detto Bernabò: “Le Zebre non sono un parcheggio!” . Come no? Impossibile trattenere la risatina e, se l’avete capita, questo articolo adesso  ve lo finite da soli……. .