incidente

PROPERZI E’ IL CAPO Per le idee chiare la prossima porta a destra, quella del Rugby Mogliano non è quella giusta; alla fine tocca a Properzi, sarà lui l’headcoach degli ex Campioni d’Italia, team che il tecnico ha tolto dai guai questa primavera portandolo ad essere protagonista indiscutibile del finale di stagione. Una sortita da primo allenatore che ha raccolto il lavoro di Mazzariol e dato una spinta positiva all’ambiente, una buona prestazione del Kino Properzi ma, evidentemente, non sufficiente, magari più per lui che non per la Società, per essere il primo candidato alla panchina del Mogliano. Nella piccola ma significativa girandola di nomi che si sono trovati sui giornali come headcoach del Mogliano in questi giorni c’è tutta la instabilità e l’insicurezza di chi fa l’Eccellenza ma alla fine è stato solo un incidente. Properzi è il capo, Galon il vice. Così hanno detto.

IL PETRARCA GIOCA IN DIECI Magari qualcuno ha pensato che giocare in dieci possa essere un tentativo del DS petrarchino Corrado Covi di abbattere definitivamente i costi di gestione  invece no, esiste anche il rugby dei grandi che si gioca in dieci, dopo quello in sette e in tredici c’è anche quello ed il Petrarca è stato invitato a giocarne un torneo in quel di Singapore. L’annuncio della partenza della comitiva padovana ha suscitato qualche dubbio su come avrebbero fatto mai le casse petrarchine a permettersi una trasferta di quelle dimensioni, vabbhè bianconero ma  mica sono le Zebre che paga Pantalone. Incidente subito chiuso con la banale rilettura del comunicato stampa petrarchino che recita “Da non trascurare il fatto che l’organizzazione provvederà alla copertura delle spese del viaggio e del pernottamento…” insomma pagano i singaporeans ed è cosa buona è giusta vista la abnorme differenza fra i rendimenti dei bond della città asiatica ed i bilanci dei club di Eccellenza.

GAVAZZI A TUTTO VENETO  E’ di qualche settimana fa la riappacificazione fra il Presidente federale Gavazzi ed il Presidente del Comitato Veneto del rugby Marzio Innocenti, avvenuta davanti a tutte le società della regione la cosa è stata ben congegnata con tanto di bandiera dei Dogi consegnata dal presidente Veneto a quello federale. La cosa però non ha portato benissimo al Veneto ovale, dopo quel giorno, tanto per dirne solo due, Alfredo Gavazzi ha scaricato un intero caricatore contro la Benetton e contro Vittorio Munari, ha gestito la finale del Campionato di Eccellenza nel modo più partigiano possibile contro Rovigo  arrivando persino a sedersi in tribuna a fianco del coach e dello staff del Calvisano e apostrofando i tifosi rossoblù. Solo un incidente?

.