Che bello, io c’ero. Magari davanti alla tv ma io c’ero a vedere una Irlanda inespugnabile battere senza discussione i titolati e promessi campioni della Australia, io c’ero davanti alla tv a veder disegnare con una mischia insuperabile ed una determinazione difensiva  inappuntabile una vittoria che resterà negli annali  del rugby come match storico. Storico non per il risultato o per la vittoria in se ma per come, ripeto è il  “come” che conta, l’Irlanda ha piazzato in faccia ai campioni del Tri Nations 2011 una categoria di gioco molto europeo ma concretamente in grado di stravolgere l’utilità offensiva di un Cooper, vanificare le potenzialità di un Genia e via così tutti gli altri.
Oggi l’Irlanda del rugby, nomi e cognomi, persone vere, ragazzi in verde, ha fatto lezione a tutti,  non solo agli australiani, su come si interpreta questo sport, su come si diventa dei Campioni e come si può essere riconosciuti come tali magari anche senza vincerlo il  Mondiale. Una partita così vale molto nel nostro sport perchè è una questione di principio sportivo tipicamente rugbistico il  prepararla, perseguirla diligentemente ed ostinatamente e poi, solo dopo, vincerla.
Lasciatemi dire una cosa con rammarico, magari sono antipatico ma  lasciatemi essere tremendamente realista: oggi guardando l’Irlanda applicare senza distrazioni e con una concentrazione crescente dal primo all’ultimo minuto il suo piano di gioco e vincere a testa alta questo match con l’Australia ho fatto fatica all’inizio a comprendere, ho visto una differenza e solo dopo ho capito che noi italici siamo troppo abituati alle sconfitte onorevoli per capire le vittorie onorevoli. Esistono anche quelle.
Adesso la preoccupazione di qualcuno è cosa vuol dire per la nostra Nazionale questo risultato? Per saperlo leggete qui ma poi fermate un attimo i calcoli dei punti necessari per arrivare ai mitici e mitizzati quarti di finale. Siamo sicuri che sia quello l’unico risultato che ci interessa? L’Irlanda di oggi ha detto altro.
Ah già, il risultato di Australia-Irlanda ? Ha vinto il rugby.